Italian Cup al via!

Nei giorni 9-10-11 giugno il nostro team di HearthStone sarà impegnato all’Italian Cup, torneo organizzato dal Planet di Milano in collaborazione con eNgage. Questo evento vede un ricco montepremi di oltre 3000 euro e, notizia recente, il vincitore otterrà anche la qualificazione, compresa di viaggio e alloggio, per il Summer Mansion Summit di Lifecoach, prestigioso torneo che si disputerà in una villa di lusso in Austria insieme ai più forti giocatori al mondo, quali: Pavel, SuperJJ, Thijs, RDU, C4mlan, Crane, MrYagut, Ostkaka, StanCifka, Eloise, Xixo e Orange.

All’Italian Cup si presenteranno i 16 giocatori qualificati, tra cui spiccano i nomi dei più noti della scena italiana. Il nostro Team iDomina occuperà ben 3 di questi 16 slot, infatti Okeie, Matt e Kroissant saranno tra i protagonisti di questo esclusivo evento.

I nostri ragazzi si sono prestati alla seguente intervista parlandoci della loro esperienza e delle loro aspettative.

  • Quando ti sei qualificato e in che occasione?

Kroissant: Ho conquistato la qualificazione l’1 di aprile (fortunatamente non è stato un pesce d’aprile) direttamente al Planet, quando senza team ho deciso di farmi una trasferta al nord per fa vedere chi comanda!

Matt: Mi sono qualificato a marzo vincendo un qualifier in Last Hero Standing in una delle tappe più complicate, battendo giocatori del calibro di ThuFull, Plastiik, Pignas e AurumWz.

Okeie: Nel mese di ottobre 2016, fui uno dei primi a qualificarmi.

  • Cosa ne pensi della struttura del torneo che verrà adottata per l’evento?

Kroissant: Parto con una marcia in meno poiché il Last Hero Standing non è il mio formato preferito, però sono sicuro che la preparazione coi miei compagni di team mi darà importanti frutti.

Matt: La struttura del torneo è ottima: quattro gironi iniziali BO5 in LHS per decidere la Top8 che verrà giocata in BO7 sempre in LHS ma ad eliminazione diretta. La stessa struttura dell’anno scorso, con la quale mi sono trovato bene.

Okeie: Penso che il Last Hero Standing sia un formato più bello del Conquest in quanto richiede una maggiore preparazione e tattica. Inoltre sarà un’ottima palestra in vista del Dreamhack di Valencia a cui parteciperò.

  • Tra gli avversari si registrano tanti nomi di spessore, c’è qualcuno che temi in particolare e perché?

Kroissant: Temo i miei compagni di squadra perché potrei rimanere a piedi e soprattutto senza un tetto sulla testa se dovessi sculargli contro.

Matt: Ci saranno molti nomi importanti, ma più che altro temo alcune Line Up che, conoscendo bene i giocatori più forti, penso possano proporre. Ad ogni modo, sono preparato a tutto.

Okeie: Non temo nessuno in particolare, penso di essermi preparato molto bene per questa competizione. L’unica cosa che mi fa paura è l’RNG, spero che sia dalla mia parte.

  • Il vincitore volerà in Austria per competere coi più forti giocatori al mondo. Cosa ne pensi di questa opportunità?

Kroissant: Può essere un buon modo per insegnare Hearhstone a qualche invitato di Lifecoach! iDomina eSports passa anche i corsi in lingua inglese per caso?

Matt: Opportunità fantastica, quello di cui la scena italiana di HS ha bisogno. Un modo per farci conoscere a livello internazionale e far capire che, tra quelli forti, ci siamo anche noi. Per me sarebbe un sogno, sia per l’opportunità di sfidare dal vivo i migliori player internazionali, sia per la visibilità.

Okeie: Questa opportunità per me vale più del primo premio, mi impegnerò al massimo sapendo che un’eventuale vittoria potrà darmi la possibilità di giocare in mezzo a tanti campioni.

  • Il Team iDomina si schiera con 3 giocatori su 16 partecipanti, sinonimo di un ottimo lavoro svolto negli ultimi mesi da parte vostra. Quanto è stato importante il lavoro di squadra e la continuità negli allenamenti di gruppo?

Kroissant: Non ero ancora nel team quando mi qualificai, però sono sicuro che un confronto costante coi compagni sia importante per continuare a migliorarsi.

Matt: Proprio come lo scorso anno, abbiamo portato tre giocatori alle finali di questa importante competizione: l’ennesima prova che la strada che siamo percorrendo è quella giusta, forti del recente primo posto all’Italian Game League, campionato che ha visto scontrarsi 16 tra i migliori team a livello nazionale. Il lavoro di squadra, così come l’allenamento di gruppo, è fondamentale nella crescita di ogni player e nella preparazione delle line up da torneo.

Okeie: Il team sta facendo molto bene, siamo usciti vincitori anche dell’ultima edizione IGL e ci stiamo impegnando sia in ladder (la scorsa season ho chiuso con una Top100 Legend in Wild) che in preparazione per i tornei importanti. Ci riuniamo spesso per allenarci e scambiarci consigli su liste e tech card da adottare per particolari match-up e questo lavoro di gruppo ci permette di migliorarci continuamente. Adesso siamo concentrati per questa Italian Cup, dove io, Matt e Kroissant ce la metteremo tutta per raggiungere ottimi piazzamenti o addirittura trionfare. Ci siamo preparati a dovere e sono sicuro che possiamo giocarcela con chiunque.

Dalle loro parole possiamo notare l’impegno e la voglia di far bene, oltre a un pizzico di ironia che non guasta mai per rendere il clima sempre piacevole e mai teso. I ragazzi sono carichi e pronti a regalarci tante emozioni. Hanno passato le ultime settimane ad allenarsi provando tantissime liste in tutti i match up possibili. Un gruppo compatto che risultato dopo risultato sta dimostrando di meritare palcoscenici sempre più importanti.

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati.” (Cit. Michael Jordan)

Buona fortuna, ragazzi!

Articolo a cura di Daniele “AidenTrubel” Di Maggio.